Nodo CBI – Corporate Banking Interbancario

ICBPI fin dal 1995 svolge il ruolo centrale di provider tecnologico e applicativo del Corporate Banking Interbancario (CBI), il servizio che permette ad una impresa di trasportare flussi dispositivi/informativi alle proprie banche tramite un unico prodotto di front-end.

Il servizio CBI prevede una serie di ruoli normativi:

  1. Banca Proponente – banca che offre la postazione di front-end alla Impresa, per la gestione dei flussi telematici.
  2. Banca Passiva – banca con cui l’impresa intrattiene rapporto di c/c
  3. Struttura Tecnica Delegata (STD) – soggetto tecnico a cui la Banca Proponente delega la gestione della propria clientela attiva
  4. Gestore del Punto d’Accesso (GPA) – soggetto tecnico a cui la banca delega la connessione alla rete CBI, che supporta normalmente la banca con servizi di facilitazione (traduzioni in ottica SEPA) alla gestione dei work flow di servizio e alla messaggistica xml.
    Oggi la comunità CBI è composta da circa 700 banche e circa 995.000 imprese.

ICBPI svolge la funzione di GPA per 80 banche e circa 275.000 imprese con elaborazioni di oltre 600.000 flussi giornalieri.
L’offerta di ICBPI si compone da tre principali componenti di servizio, attivabili anche singolarmente e integrati all’interno di un’unica fornitura: