La Mappa dei Processi

La mappa dei processi che gestiscono il pagamento delle fatture e il rilascio delle informazioni necessarie all’immatricolazione (quaterna di codici), nel sistema realizzato, è mostrata nella figura seguente e può essere descritto, nelle sue fasi principali, come segue:

mappa-dei-processi-unrae-icbpi

1. Flusso fatture
La Casa Automobilistica fattura il veicolo al Concessionario ed eventualmente cede il relativo credito ad una Società Finanziaria. Tale flusso è regolato da sistemi proprietari e da singole accordi (Casa Automobilistica – Società Finanziaria – Concessionario).

2. Richiesta di pagamento
La Casa Automobilistica e/o Società Finanziaria invia alle Banche di 1° livello il flusso telematico della fatturazione e delle relative condizioni di pagamento. Tale flusso è regolato da sistemi proprietari e da singole accordi (Casa Automobilistica – Società Finanziaria – Banca)

3.1 Pagamento fattura
Il Concessionario esegue il pagamento della fattura presso la Banca domiciliataria.
I processi di comunicazione interbancaria dei flussi di incasso, avvengono direttamente all’interno del sistema bancario e sono regolati da apposite convenzioni tra Banche di 1° livello e Banche di 2° livello.

3.2 Notifica Pagamento
La Banca Richiedente notifica al Centro Servizi, un flusso di caratteri alfanumerici, indicando il codice di pagamento.

3.3 Avviso di Pagamento
Il Centro Servizi comunica alla Casa Automobilistica ed alla Società Finanziaria il codice di avvenuto pagamento così come notificato dalla Banca.

4 Flusso informazioni veicoli
La Casa Automobilistica, attraverso il codice pagamento ricevuto dal Centro Servizi di cui sub 3.3, individua il corrispondente veicolo ed invia al Centro Servizi un flusso contenente:

a) i dati tecnici (telaio, omologazione, codice antifalsificazione);
b) la data del certificato (telematico) di conformità rilasciato dal Costruttore;
c) la modalità di sblocco che determina le regole di invio dei dati necessari all’immatricolazione al CED del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti;

La ricezione del flusso attiva le procedure di controllo e, in caso di esito positivo, determina sblocco automatico del veicolo.

5.1 Stampa dichiarazione per l’immatricolazione
Il Concessionario richiede per via telematica al Centro Servizi, l’invio di un file, necessario per la stampa della dichiarazione per l’immatricolazione relativo ad un veicolo precedentemente sbloccato al punto 4
In mancanza di una delle condizioni di sblocco, eventuali richieste di invio di tale file, da parte del Concessionario, sono inibite dal sistema.

5.2 Invio dei dati al CED del Ministero dei Trasporti
Contestualmente all’invio del file di cui sub 5.1 che precede, il Centro Servizi invia con procedura automatica al CED del Ministero dei Trasporti, un flusso di dati, contenente le stesse informazioni necessarie per la stampa della dichiarazione per l’immatricolazione richiesta dal Concessionario.

6.1 Domanda di immatricolazione
Il Concessionario si reca presso l’Agenzia automobilistica, consegnando la dichiarazione per l’immatricolazione di cui sub 5.1 che precede, a corredo della documentazione richiesta per ottenere l’immatricolazione del veicolo.

6.2 Riconciliazione delle informazioni presso archivio Ministero dei Trasporti
Solo la presenza presso il CED del Ministero dei Trasporti delle informazioni comunicate dal Centro Servizi, di cui sub 5.2, permette l’immatricolazione del veicolo. In mancanza o in caso di difformità di dette informazioni, il veicolo non potrà essere immatricolato.

6.3 Dato Immatricolazione
Il Ministero dei Trasporti, comunica l’avvenuta immatricolazione del veicolo al Centro Servizi, il quale, invia alla Casa Automobilistica, mediante crittografia a chiavi asimmetriche, un flusso di caratteri alfanumerici contenente i dati tecnici e di immatricolazione di detto veicolo.