FAST.Invoice – La fatturazione nell’era digitale


Efficienza, velocità, risparmio e sicurezza sono le motivazioni più frequenti nella scelta di un’azienda di passare ad un sistema di fatturazione completamente automatizzato, con l’eliminazione dei documenti cartacei.

L’evoluzione delle tecnologie informatiche consente oggi di snellire il processo di gestione delle fatture attive e passive, di ridurre drasticamente i costi e gli errori e, di migliorare il rapporto clienti/fornitori attraverso la condivisione di una piattaforma comune.

FAST.Invoice aderisce inoltre alla normativa per l’inoltro delle fatture verso la Pubblica Amministrazione (processo divenuto obbligatorio dal giugno del 2014) adattando la soluzione sia alle esigenze delle grandi aziende che delle medio-piccole.

Scegliere oggi la fatturazione elettronica e FAST.Invoice significa:

Perché Fast Invoice?

ICBPI ha voluto realizzare una piattaforma di servizi collaborativi di fatturazione elettronica, personalizzabile per applicazioni business-to-business, business-to-government e business-to-consumer (invoice Collaborative Business Platform) e che, si adatta perfettamente sia ad aziende di grandi dimensioni che alle PMI, grazie alla flessibilità delle sue componenti.

Le singole funzionalità rappresentano dei moduli integrabili e personalizzabili in base alle esigenze competitive di ogni cliente, sia esso un’azienda fornitrice o un’azienda destinataria.
Ogni modulo rappresenta quindi un servizio autonomamente erogabile e sviluppato seconda una concezione SOA (Service-Oriented Architecture), tramite un’architettura client-server installata presso ICBPI che mette a disposizione il parco macchine e la gestione completa del servizio, senza che l’azienda debba installare al suo interno un nuovo software.

Fast Invoice è stato già scelto da: Gruppo Auchan, Campus Biomedico di Roma, Trudi Spa, Commercio Factoring Spa, Gruppo TBS, Strega Alberti Benevento Spa, Cariparma, CSE, Banca Popolare di Milano,Veneto Banca, Gruppo UBI Banca, Banca Popolare di Sondrio, Banco Desio, Gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Gruppo Banca Popolare di Bari, Gruppo Creval, Banca Sella, Banca Etruria, Banca IFIS, Banca Passadore, Ordine Nazionale degli Psicologi, Ordine Nazionale dei Biologi, ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia), Comune di Gela e Comune di Bagheria.