Digitalizzazione, il Gruppo ICBPI a fianco di cittadini e imprese per fare rete

Con l’entrata in vigore dell’obbligo della fatturazione elettronica verso la P.A. dal 31 marzo e l’obbligo dei pagamenti digitali dal 31 dicembre si rivoluziona il rapporto con la pubblica amministrazione di cittadini ed imprese: nasce la necessità di fare “rete” per ottenere quella maggiore efficienza e quei benefici economici e di risparmio che queste innovazioni promettono.

Il 2015 sarà un anno fondamentale per lo sviluppo digitale della Pubblica Amministrazione che si articolerà su due principali direttrici: PagoPA e la fatturazione elettronica.
Dal 31 marzo infatti tutte le amministrazioni pubbliche, anche quelle locali, sono soggette all’obbligo di ricevere fatture sono in modalità elettronica mentre entro il 31 dicembre 2015 gli enti locali e regionali, oltre a quelli nazionali che sono già partiti, si dovranno predisporre all’uso dei sistemi di pagamento elettronici per consentire ai cittadini di pagare multe, ticket sanitari, bolli auto e altre imposte.

Si tratta di una vera rivoluzione, non solo tecnologica ma anche di processo che sicuramente nei primissimi tempi richiederà un enorme sforzo, da parte di tutte le realtà coinvolte, per modificare le procedure e le abitudini consolidate negli anni. Ma si tratta anche di un cambiamento che porterà efficienza ed innovazione a tutto il sistema Paese.
L’integrazione fra la fatturazione elettronica, gestita dal Sistema di Interscambio (SDI), e la digitalizzazione dei pagamenti, attraverso il nodo dei pagamenti di AgID, consentiranno un controllo maggiore sui pagamenti, una più rapida riconciliazione ed un rapporto maggiormente coeso fra Pubblica Amministrazione, Imprese, Cittadini e Banche.

Il Gruppo ICBPI ha, fra le prime realtà in Italia, colto l’importante opportunità di questo nuovo scenario costruendo negli anni una duplice offerta rivolta a Pubbliche Amministrazioni, Imprese e Banche in modo da mettere in rete esperienze e necessità e facilitando l’adozione dei nuovi strumenti di interazione.
Fatturazione elettronica e pagamenti digitali sono due componenti dell’offerta del Gruppo ICBPI per permette di far comunicare fra loro imprese e cittadini alla Pubblica Amministrazione, coprendo l’intero ciclo finanziario.

Nell’ambito dei pagamenti infatti il Gruppo ICBPI ha sviluppato una soluzione che consente ai cittadini di pagare in totale sicurezza, e con modalità vicine all’e-commerce, imposte e tributi. La nostra soluzione è stata concepita in piena multicanalità per consentire ai cittadini di utilizzare lo strumento di pagamento (carta di credito, SCT bancario) e il canale (home banking, ATM, totem) preferito. Pienamente integrata all’interno della piattaforma PagoPA di AgID, in cui il Gruppo ICBPI è uno dei prestatori di servizi di pagamento accreditati, la nostra soluzione vuole facilitare il passaggio all’utilizzo di strumenti di pagamento evoluti che possano sostituire il contante e, pertanto, ridurre i tempi di pagamento, le contestazioni e facilitare la riconciliazione all’interno della Pubblica Amministrazione.

A fianco al nostro impegno nella digitalizzazione dei pagamenti si affianca quello sulla fatturazione elettronica e gestione documentale: la soluzione del Gruppo ICBPI FAST.Invoice si pone come piattaforma in grado di mettere in comunicazione Imprese, Pubbliche Amministrazioni e Banche.
La soluzione non solo consente di inviare fatture in modalità elettronica verso il nodo SDI, adempiendo pertanto alle normative attuali, ma è in grado di dematerializzare completamente il ciclo della fatturazione, facilitando i processi lato imprese e PA.

Fra le principali funzionalità presenti ci sono:

Integrati con la piattaforma sono i Servizi di Conservazione Sostitutiva a Norma:

Ampio respiro è stato dato anche alla relazione fra fattura e pagamento, all’interno di FAST.Invoice infatti è possibile:

Ad ulteriore riconoscimento del valore della soluzione di ICBPI nell’edizione di quest’anno del Premio ABI per l’innovazione nei servizi bancari FAST.Invoice è stata premiata nella categoria “Innovare per crescere”

ICBPI Channel