Dati di Sintesi

Nel corso dell’ultimo esercizio, in un contesto straordinario determinato dal cambio di controllo societario, il Gruppo ICBPI ha proseguito il proprio percorso di crescita. Il Bilancio 2015 ha quindi registrato un miglioramento dei principali indicatori patrimoniali, economici e finanziari, grazie a un forte impegno nell’innovazione e nell’aggiornamento dell’offerta di servizi e prodotti.

I ricavi operativi salgono a € 679,9 milioni (+1,5% rispetto al 2014) in presenza di commissioni e ricavi da servizi che si attestano a € 619,7 milioni (+25,4 milioni €) con un margine di interesse a € 55 milioni (in calo di € 14,9 milioni rispetto all’anno precedente).

Il bilancio consolidato al 31 dicembre 2015 presenta un Patrimonio Netto pari a € 1.144 milioni, in crescita del 23,4% rispetto ai 927,7 milioni dell’esercizio precedente.

L’Utile netto d’esercizio è di € 90,5 milioni.

In particolare, il Gruppo ICBPI ha registrato il seguenti risultati di business:

Monetica

Nell’ambito delle attività di crescita per linee esterne, il 31 luglio 2015 è stata perfezionata, con efficacia contabile 1 gennaio 2015, la fusione per incorporazione di Unicard in CartaSi. Le performance di business del 2015 hanno portato a una gestione complessiva di circa 15,6 milioni di carte e di oltre 2,4 miliardi di transazioni. Il numero di POS gestiti (fisici e virtuali) è stato pari a 565.000 (+4,4% rispetto al 2014). Lo speso complessivo dei titolari si è attestato a € 28,0 miliardi di euro ed ha registrato, rispetto al 2014, una crescita del 7,7%.  I volumi di negoziato acquiring si sono attestati a circa 50,3 miliardi di euro, in crescita (+3,5%) rispetto al 2014. Gli ATM gestiti sono stati quasi 9.400. Il percorso di innovazione e digitalizzazione è proseguito con la diffusione del wallet MySi e l’industrializzazione della soluzione di pagamento via smartphone basata su tecnologia HCE. E’ inoltre stato realizzato il progetto «Cashless City» e avviato lo sviluppo del prodotto Debito licenza diretta CartaSi e gestione carte Pagobancomat su WEB.

Payment Services

In uno scenario paneuropeo competitivo e cooperativo, che si muove per effetto delle evoluzioni normative definite dalla nuova Payment Services Directive (PSD2) e verso la realizzazione di nuove infrastrutture per la gestione di pagamenti retail in modalità “instant”, i Payment Services ICBPI  hanno fatto registrare un aumento complessivo dei ricavi operativi pari al +1,2% rispetto al 2014. Il numero di transazioni è incrementato del 8% rispetto all’anno precedente e le postazioni di e-banking gestite nell’anno sono aumentate del 22.4% rispetto al 2014, passando da circa 203.000 ad oltre 248.000. Sul fronte dello sviluppo di nuovi prodotti è stato rilasciato ZAC, il servizio P2P IBAN Based ed è stato avviato lo studio di fattibilità per la realizzazione dell’ACH Real Time, per la gestione degli Instant Payments. Si è infine realizzata l’attivazione a regime dei nuovi servizi proposti dal consorzio CBI (C-Bill e Certificazione Crediti).

Securities Services

In ambito Securities Services, l’attività si è focalizzata su rafforzamento della base clienti e implementazione iniziative di sviluppo. E’ stato completato con successo, il go live della first wave della migrazione sulla piattaforma di regolamento europea Target2Securities, con ICBPI partecipante diretto ed è stata implementata la funzione di specialist per titoli “branded” subordinati e senior sul mercato HI-MTF. Infine è stato sviluppato un nuovo modello di servizio a supporto dell’attività di “prestito titoli” per i fondi pensione. Le attività di Global Custody registrano una crescita, raggiungendo € 127 miliardi di asset in custodia (+ 1,7%). Anche le attività di Banca Depositaria crescono con oltre € 56 miliardi gestiti (+4,9%) insieme a quelle di Negoziazione, con circa € 47 miliardi di transato (+2.3%).

Business Processing Outsourcing Services

Nelle attività che fanno capo alla controllata OASI, si evidenzia lo sviluppo del nuovo servizio Data Point Model EBA dedicato alle banche high significant. In ambito antiriciclaggio, è stata installata in Lussemburgo la prima versione di GIANOS® 3D progettata per una banca estera e, sulla sicurezza ICT, è stato predisposto il primo rilascio della soluzione per la gestione del rischio informatico (IT Risk Manager). OASI ha registrato un EBITDA pari a € 7,9 milioni, rispetto a € 7,2 milioni del precedente esercizio. I ricavi operativi sono pari a € 29,2 milioni, maggiori del 9,5% rispetto all’anno precedente.